La cucina contemporanea spagnola si è posizionata tra i referenti internazionali grazie alla sua relazione tra gastronomia e innovazione. Nomi come Ruscalleda, Arzak, Berasategui, i fratelli Roca o Adrià sono stati i responsabili di questa gastronomia di avanguardia.

Proprio quest’ultimo, Ferran Adrià, è l’autore di alcuni dei testi inclusi nel catalogo di “Tapas”, una mostra che, attraverso più di duecento oggetti, presenta lo stretto legame tra design e gastronomia. Il design, nell’ambito della cucina e tutto ciò che gli sta intorno, grazie all’innovazione, fornisce una soluzione a problemi tecnici o funzionali. “Tapas” si presenta come un viaggio storico intorno al design applicato alla gastronomia, in modo tale da farci avvicinare a oggetti che con il tempo sono diventati imprescindibili per la casa. Due eccellenti esempi sono l’oliera disegnata da Rafael Marquina o l’innovativo Minipimer creato da Gabriel Lluelles.

Cool Vie Bohème di Daniel Gantes

Lungo “Tapas” possiamo vedere differenti progetti creati da professionisti i quali Antoni Arola, Óscar Tusquets, Jaime Hayón, Martín Azúa, Curro Claret o Javier Mariscal, ma anche da giovani esperti e studi di disegnatori di prodotti come Daniel Gantes, Alberto Arza, Joan Rojeski o La Mamba. I designer valenciani risultano ampiamente referenziati nella mostra, con progetti, tra gli altri, di Ximo Roca, Héctor Serrano, Nadadora o Daniel Nebot. La mostra dispone di una zona riservata al food design in cui diversi alimenti si convertono in materia prima per la sperimentazione, dando luogo a creazioni come quelle sviluppate da Luis Eslava, Reyes Mora, Andreu Carulla o dallo studio Papila.

Mamut di La Mamba

Dietro a “Tapas”, un progetto promosso da Acción Cultural Española, troviamo Juli Capella, colui che ha maggiormente diffuso il design spagnolo tramite diverse pubblicazioni (Ardi) e mostre, su cui ha potuto contare, in numerose occasioni con la collaborazione di Quim Larrea. “Tapas” si può visitare attualmente nel Centro del Carmen di Valencia.

Email this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn